News

8 Settembre 2016

Le Medaglie della Liberazione per i nostri partigiani

Oggi a Roma abbiamo consegnato 82 nuove “Medaglie della Liberazione”, che si vanno ad aggiungere alle quasi 6.000 già conferite a partigiani, combattenti, patrioti, militari e reduci che hanno contribuito alla Lotta di Liberazione. È un'iniziativa, lanciata più di un anno fa, a cui tengo particolarmente, perché è un modo per riconoscere pubblicamente il valore e l'eroismo di tutti quegli italiani che nel 1945 non si arresero alla disfatta.

3 Settembre 2016

Completato il ponte per raggiungere Amatrice

Oggi è stato completato il ponte logistico lungo la statale 260, alle porte di Amatrice, grazie all'instancabile lavoro di uomini e donne dell'Esercito Italiano. La realizzazione del by-pass è un'attività fondamentale per ripristinare gradualmente la viabilità nelle zone del sisma e consentire a ulteriori mezzi di soccorso di raggiungere Amatrice più facilmente.

Paolo Gentiloni e Roberta Pinotti 11 Agosto 2016

Una Schengen della difesa per rispondere al terrorismo

È arrivato il momento di rilanciare il progetto di difesa comune europea per rafforzare la nostra capacità operativa e dare una risposta che abbia anche un impatto politico. Gli spazi contenuti nei Trattati europei sono certamente un punto di partenza, ma l'Italia ha in mente qualcosa di più ambizioso: il lancio di una "Schengen della difesa", ovvero di una "forza europea multinazionale", con funzioni e mandato stabiliti insieme, dotata di una struttura di comando e di meccanismi decisionali e budgetari comuni.

31 Luglio 2016

Un piano per fermare la jihad – Intervista con Il Messaggero

I foreign fighter di ritorno rappresentano un grande rischio e vanno tenuti sotto controllo nel momento in cui lo Stato Islamico sarà sconfitto in modo definitivo. Pianificheremo interventi a livello di coalizione perché i radicalizzati che avranno combattuto e saranno, dunque, diventati esperti combattenti e terroristi islamici non vengano a portare terrore tra di noi.

Missione Afghanistan 21 Luglio 2016

Ma la vera guerra è contro la povertà: intervista con “Famiglia Cristiana”

L'Italia ha una presenza importante nelle missioni internazionali. Con questo Governo abbiamo sempre impostato le operazioni in modo strategico, con un stretto coordinamento fra Esteri e Difesa. In Iraq, ad esempio, i nostri militari addestrano le forze armate locali e lavorano a stretto contatto con i nostri cooperanti, che aiutano le ragazze yazide a tornare alla normalità dopo gli abusi dell'ISIS. Nessuna “invasione occidentale” nei territori in cui siamo presenti, ma un processo che può portare a risultati duraturi.

Roberta Pinotti 16 Luglio 2016

Più intelligence per prevenire. Per “Strade sicure” 7 mila soldati.

Stiamo combattendo Daesh sul suo territorio, con successi importanti, e dobbiamo continuare a farlo perché i proclami di morte vengono da lì. Ma, allo stesso tempo, deve rimanere altissimo il livello di guardia nelle nostre città e comunità. Ci sono i quasi 7mila militari di “Strade sicure”, una presenza visibile e rassicurante, e ci sono forze dell’ordine, intelligence, magistrati e analisti delle forze armate che ogni giorno tengono sotto controllo ogni minimo segnale d'allarme che venga dai territori.